Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Parole chiave

Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

Partner
creare un forum


Grandi filosofi e le loro esibizioni dialettiche

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Grandi filosofi e le loro esibizioni dialettiche

Messaggio  Annali il Lun Gen 02, 2017 6:31 pm

   
                     Platone                
Platone si chiamava Aristocle, come suo nonno. Il suo era un soprannome, ossia “ platys, largo” che gli venne appioppato, a causa della sua corporatura, da un insegnante di ginnastica.
Tradizionalmente, la sua nascita si colloca in Atene nel 429 a. C.
La leggenda esalta le sue doti nella musica, nella ginnastica, nella matematica, nella poesia ( che a quanto pare detestava), nella pittura (che odiava al pari della poesia) e quella di eroico combattente.
Discepolo di Socrate, fu costretto a fuggire ancor prima della fine del processo contro il suo maestro, ritenuto colpevole di vilipendio alla religione di stato.
Dopo aver lasciato Atene, incurante del destino della vedova e degli orfani del suo maestro, si allontanò dall’Attica per recarsi prima in Libia, in Egitto e poi nella Magna Grecia.
Frequentando i circoli pitagorici a Taranto, conobbe Dione, che lo invitò a Siracusa.
Platone accettò l’offerta, cacciandosi in un’avventura politica che gli procurò parecchi guai.
Dione era cognato del tiranno Dionisio I il Vecchio, che in quel periodo, dopo aver stipulato un patto con Cartagine mirava a estendere il proprio potere in Calabria.
Dione, che amava complottare, riuscì a convincere Platone a unirsi a lui in una congiura di palazzo. Fallito il tentativo, Dioniso I lo fece prima arrestare e poi vendere come schiavo sul mercato di Egina.
Platone fu riscattato per la somma di 20 mine da Anniceri Di Cirene, che gli rese gratuitamente la libertà.
Approfittando di un periodo di pace in Grecia, riuscì ad aprire una propria scuola: l’Accademia, istituzione scolastica che prosperò lungamente.
Vent’anni dopo l’apertura dell’Accademia, ritornò su richiesta di Dione, a Siracusa, dove sperava di convincere Dioniso II il Giovane, a creare uno stato “ideale” ossia totalitario, impossibile da realizzare nella democratica Atene. Neppure stavolta le cose andarono per il verso giusto: Dione fu esiliato con il sequestro delle proprietà e Platone, mancato statista, fu costretto a tornarsene ai suoi studi filosofici ad Atene.
Raggiunto da Dione, fu convinto a recarsi nuovamente a Siracusa per tentare una pacificazione con Dioniso II, ma anche stavolta si salvò a stento per l’intercessione dei suoi amici pitagorici che governavano a Taranto, senza i quali Platone non avrebbe potuto lasciare la città.
A quel punto, Dione decise di rinunciare alle argomentazioni filosofiche e passò alle vie di fatto, organizzando pertanto una spedizione militare contro Dioniso, alla quale però, essendo troppo vecchio,(70 anni) Platone si rifiutò di partecipare, anche per rispettare i principi della non violenza.
Dione, vincitore, istaurò a Siracusa un regime violento e autoritario, per cui, durante una sommossa popolare fu sopraffatto e ucciso.
Platone, come amico e come ateniese ne fu sconvolto. Negli ultimi dieci anni di vita, amareggiato dalle proprie esperienze politiche, si ritirò nell’Accademia, estraniandosi da una Atene decadente che vedeva sempre più in mano alla plebe e ai demagoghi, per dedicarsi unicamente all’insegnamento.
avatar
Annali
Admin/Founder

Messaggi : 5203
Data d'iscrizione : 08.06.13
Località : la mia

http://annali.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Grandi filosofi e le loro esibizioni dialettiche

Messaggio  Annali il Lun Dic 19, 2016 12:47 am

Giovanni Pico della Mirandola (1463 -1494)



Giovanni Pico della Mirandola,  nacque da una famiglia della piccola nobiltà del nord. Giovanissimo, voltate le  spalle ai privilegi del suo rango per dedicarsi al “sapere”, seguì vari corsi nelle università di Bologna, Ferrara, Padova e Parigi, dove studiò legge canonica, letteratura, la Scolastica, teologia medievale, filosofia, lingua greca.
Si dedicò a una ricerca che gli sarebbe valsa a concepire una sintesi di tutte le conoscenze e di tutte le imprese dell’umanità. Il suo grande interessa era rivolto alla Cabala che spiegò come fonte di sapienza per decifrare il mistero che circonda il mondo dentro il quale Dio appare nell’oscurità, irraggiungibile dalla ragione. La magia cabalistica, partendo dalla natura, opera attraverso simboli e metafore che va oltre il visibile della realtà assoluta, portando alla conoscenza della struttura matematica della natura stessa.
Nel 1486 si dedicò all’ambizioso progetto di redigere un compendio di 900 tesi o proposizioni, di orientamento ermetico, sfidando la cristianità chiamandola a un contradditorio.
Nelle sue tesi erano fusi elementi magici e mistici del cristianesimo, dell’ebraismo, dell’islamismo e del pensiero ermetico.
Pico fece suoi i convincimenti dell’accademico Ficino e del cabalista ermetico Alemanno, i quali sostenevano la validità di talismani magici. In conformità a tradizioni antiche, quindi, si convinse che sul monte Sinai, Mosè non avesse ricevuto solo le tavole della Legge, ma anche la loro interpretazione mistica – esoterica.
Mentre progettava il dibattito in cui si proponeva di difendere le sue 900 tesi, preparava anche un’orazione sulla dignità dell’uomo, da esporre in apertura dell’incontro.
Il dibattito non ebbe mai luogo poiché il pontefice lo proibì, dichiarando eretiche tredici delle sue tesi.
L’orazione, considerata una chiara ed efficace summa del pensiero di Pico, fu data alle stampe postuma. Nei suoi enunciati, affermava, l’uomo è stato creato per essere al centro del mondo, e, da questa posizione, egli potrà fare di se stesso ciò che vuole grazie al libero arbitrio.
Attraverso la capacità di modellare la circostante realtà, l’uomo avrebbe potuto determinare in piena libertà e responsabilità il proprio destino e controllarlo per mezzo della scienza.
Morì, giovane,  poco che trentenne, forse avvelenato su commissione.
avatar
Annali
Admin/Founder

Messaggi : 5203
Data d'iscrizione : 08.06.13
Località : la mia

http://annali.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Grandi filosofi e le loro esibizioni dialettiche

Messaggio  Annali il Mer Dic 14, 2016 8:43 pm

Tommaso Campanella


  

Campanella nacque il 5 settembre 1568 a Stilo, in Calabria. Appena tredicenne vestì l’abito di novizio domenicano, dimostrando subito doti mnemoniche e vivacità intellettive. A Napoli, dove si era trasferito, affascinato dalle teorie cosmologiche copernicane, si dedicò all’astrologia e all’occultismo.
La sua prima opera”Philosophia sensibus demonstrata” sarà fonte dei suoi primi guai, infatti, la pubblicazione l’anno successivo gli costò un processo per eresia, conclusosi con la condanna al soggiorno obbligatorio in Stilo. Trasgredendo agli ordini si recò a Roma, Firenze e Bologna, dove gli furono sottratti tutti i suoi manoscritti. Nel 1595, accusato ancora di eresia, fu tradotto a Roma nelle carceri vaticane, dove riconosciuto colpevole e costretto a pubblica abiura, fu rinchiuso nel convento di Santa Sebina.
 Anche da rinchiuso, Campanella proseguì nella produzione letteraria, riscrivendocaparbiamente le composizioni regolarmente requisite. Nuovamente fu processato e condannato, col divieto di continuare a divulgare le proprie opere, alla residenza coatta nella cittadina natale.
O lui era costantemente alla ricerca di guai, oppure i guai cercavano lui, fatto sta che nel 1599 divenne promotore di una temeraria congiura anti-spagnola finalizzata alla creazione di una repubblica teocratica con lui legislatore. La progettata rivolta si concluse prima ancora di cominciare, con l’arresto e la comparizione davanti a un collegio giudicante misto, laico e religioso, palesemente per nulla incline alla clemenza. Per sfuggire alla pena di morte, Campanella si finse pazzo simulando segni di squilibrio anche durante la tortura. Condannato all’ergastolo, fu rinchiuso nelle prigioni napoletane di Castel Nuovo, continuando a fingersi pazzo e scrivere senza posa componendo, tra l’altro, la celebre “Città del Sole”. Per fiaccarne la resistenza fu gettato nell’orrida fossa di Castel Sant’Elmo, dove non solo sopravvisse alla fame e al freddo, ma seguitò a elaborare nuovi trattati immancabilmente sequestrati. Dal fondo di quella sorta di tombino in cui lo avevano cacciato, riuscì ugualmente a lanciare appelli e a propinare consigli a tutti i regnanti della terra. Finalmente nel 1626, gli fu concessa la grazia e affidato alle cure della chiesa romana. Papa urbano VIII, poeta e mecenate accolse benevolmente il monaco, il quale, nell’arco di due anni si conquistò i favori del pontefice, mentre le sue idee filosofiche e politiche gli attirarono l’antipatia della curia romana. Non sentendosi al sicuro, Campanella da Roma se ne scappò in Francia, a Parigi accolto dal re Luigi XIII e dal suo potentissimo primo ministro, il cardinale Richelieu.
Negli ultimi anni di vita non si sforzò, in nessun modo, di cogliere i prodromi della moderna filosofia, ma continuò a rivedere le sue opere, senza mai abbandonare l’utopistica speranza in un rinnovamento politico del mondo intero, sino al momento della morte avvenuta nel convento parigino di Saint Honoré, nel 21 maggio 1639.
Pensare che lo stesso uomo, dopo aver vissuto nelle condizioni di privazioni e isolamento per 27 anni, potesse elaborare idee politiche riformiste, anziché rivoluzionarie sarebbe illogico. Le idee irrealistiche lo avevano aiutato, più del cibo, a sopravvivere, a mantenere accesi i lucignoli della ragione, a non sprofondare completamente nel buio dell’apatia.  
avatar
Annali
Admin/Founder

Messaggi : 5203
Data d'iscrizione : 08.06.13
Località : la mia

http://annali.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Grandi filosofi e le loro esibizioni dialettiche

Messaggio  Annali il Lun Dic 12, 2016 7:19 pm

Voltaire



Voltaire, pseudonimo con cui era conosciuto François- Marie Arouet, filosofo, poeta e drammaturgo. Legato al movimento culturale dell’illuminismo.
Il successo delle sue opere letterarie gli consentiva di frequentare la nobiltà parigina, finché non diede la sua prima grande prova nel 1717, della sua diplomazia componendo una satira sui costumi di Filippo II duca d‘Orleans, allora reggente di Francia, che gli costò un anno di carcere alla Bastiglia. Una volta uscito di prigione mise in scena con successo straordinario il suo lavoro teatrale Edipo, tragedia nella quale insinuazioni miscredenti, proclami libertini ed enunciati anti-clericali si rincorrono di continuo. Nel 1723 compose il poema “La Lega”, esaltazione dei protestanti nelle guerre di religione, con conseguente putiferio. Due anni dopo, con le sue satire offese il cavaliere di Rohan che lo fece bastonare dai suoi servi. 
Le leggi dell’epoca prevedevano la prigione o l’esilio per chi veniva bastonato e non apparteneva alla nobiltà. Imprigionato ancora una volta nella Bastiglia, fu successivamente liberato, ma fu costretto a lasciare la Francia ed emigrare in Inghilterra, dove conobbe uomini di cultura liberale, filosofi e scrittori, manifestando profonda ammirazione per la cultura filosofica, politica, scientifica e religiosa d’oltre Manica e dove maturò le idee illuministe contrarie all’assolutismo della Francia. Quando furono pubblicate Le “Lettere filosofiche sugli inglesi”, dove esaltava lo spirito liberale e tollerante anglosassone e di contro formulava violente critiche nei confronti della società francese, suscitò entusiasmo in Inghilterra, mentre in Francia l’opera fu immediatamente sequestrata e bruciata.  
Voltaire, come quasi tutti i filosofi dell’epoca nel complesso, non aveva molta fiducia nel popolo, nel quale vedeva solo una massa senza cervello e dalle distorte passioni, derivanti dal dominio secolare della superstizione religiosa.
Nel 1745, grazie all’appoggio della marchesa di Pompadour, fu ricevuto alla corte di Luigi XV, nominato “gentiluomo di camera” e accolto l’anno successivo all’Accademia di Francia. Invitato nella reggia di Federico II il Grande, vi trascorse un tempo in sodalizio di mutua ammirazione con il re di Prussia, prima che si sciogliesse per l’atteggiamento suo arrogante e indisponente. Per rispettare il divieto di dimorare a Parigi, nel 1755 si trasferì in Svizzera, accolto in principio con entusiasmo, ma dopo l’infelice idea di manifestare nel “Saggio sui costumi e lo spirito delle nazioni”, la propria simpatia per un personaggio che Giovanni Calvino aveva mandato al rogo, divenuto oggetto di crescente ostilità, rientrò in Francia. 
Scrisse battendosi soprattutto contro l’intolleranza e il fanatismo a favore della libertà civile e dello Stato di diritto, senza però trascurare l’oculata gestione dei propri beni e della fama. Il “Candido ovvero l’ottimismo”, fu un romanzo satirico contro l’ottimismo dei filosofi, i quali, in virtù di una presunta armonia prestabilita (da Dio) sostenevano che tutto andava per il meglio e nel migliore dei modi possibili.   
Scrisse “ la Pulzella d’Orléans” entrando in polemica con i cattolici per la parodia di Giovanna d’Arco. Il romanzo era l’espressione letteraria più riuscita del suo pensiero contrario a ogni fatalismo o provvidenzialismo.
Tra le opere non narrative scrisse il “Trattato sulla tolleranza” e il “Dizionario filosofico” nel periodo in cui collaborò con Diderot e D’Alembert  per la realizzazione dell’Encyclopédie.
Morì nel 1778, durante la rappresentazione della sua tragedia “Irene”, senza poter godere dell’accoglienza trionfale che gli era stata riservata, accolto nell’aldilà nel quale non credeva. Almeno di lui, rispetto ad altri illuministi, non si può dire che sia stato troppo noioso.
avatar
Annali
Admin/Founder

Messaggi : 5203
Data d'iscrizione : 08.06.13
Località : la mia

http://annali.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Grandi filosofi e le loro esibizioni dialettiche

Messaggio  Annali il Ven Dic 09, 2016 4:03 pm

EPICURO “ Dobbiamo liberarci dal carcere degli affari”.
 
Il greco Epicuro, (341-271 a.C.) basava la sua filosofia sul sensismo, come criterio di conoscenza e sull’atomismo quale processo di formazione e coscienza della realtà. Egli non considerava alcuna intercessione divina.
Il suo orientamento filosofico, era finalizzato a esaltare le virtù dell’autocontrollo e del distacco delle cose terrene, per raggiungere l’integrità morale e intellettuale dell’uomo saggio.
L’accusa d’individualismo e il sospetto generato da alcuni risvolti etici, come il tenersi lontano dalla politica, seguendo il precetto  del  “ Vivi nascosto”, furono considerati minacciosi per l’integrità sociale.
Nel 306 si stabilì ad Atene dove acquistò una villa con giardino (perciò i suoi seguaci furono chiamati “quelli del giardino) che divenne il suo centro didattico.
Essendo divenuto, poco più che trentenne un filoso abbastanza famoso gli procurò qualche antipatia. Timone di Fliunte (325 a.C.- 235 a.C.) filoso scettico lo definì “ l’ultimo dei fisici, maestro di scuola, il più ignorante di tutti viventi”.
Da parte sua, Epicuro, seraficamente, asseriva d’essere autodidatta, di considerare Democrito un parolaio di paese. Di Platone e dei suoi allievi disse che erano solo adulatori di Dioniso I, tiranno di Siracusa. Da considerare in tutto ciò, che le scuole ateniesi dell’epoca (Accademia, Liceo, portico, Giardino) si occupavano, tra l’altro, di farsi una spietata concorrenza, come se le furibonde lotte tra i successori di Alessandro Magno, durate più di un quarantennio, si svolgessero su un altro pianeta e Atene fosse estranea alle vicende dell’impero macedone.
Vicende che sembravano non assillare Epicuro, preso da tutt’altri problemi. Compreso che non avrebbe potuto competere con le altre scuole filosofiche, specialmente con L’Accademia, aprì le porte dell’ateneo anche a chi digiuno di nozioni scientifiche e letterarie, alle classi sociali meno elevate. Così, mentre sul frontone dell’Accademia spiccava un’iscrizione che vietava l’accesso agli ignoranti di matematica, all’ingresso del “Giardino” si leggeva la scritta” Ospite, qui starai bene, qui il sommo bene è il piacer!”.
Per Epicuro, i sommi dèi, erano estranei e indifferenti alla vita umana, considerando che a loro nulla importava di togliere i mal esistenti nel mondo. Se i mali continuano a esistere, dunque si tratta di una divinità che vuole, ma non può, che può ma non vuole, oppure che non può e non vuole? Nel primo caso sarebbe una divinità impotente, nel secondo caso malvagia e nel terzo caso impotente e malvagia. Ma se la divinità non è impotente e nemmeno malvagia, perché non cancella le sofferenze dell’uomo? La risposta di Epicuro fu categorica: perché era chiaro che se ne infischiava dell’uomo e dei suoi mali sulla Terra!
Solo nell’assenza della sofferenza l’uomo può provare piacere e tale piacere diviene permanente esclusivamente con la morte, che ha come effetto l’insensibilità assoluta della mente e del corpo.
La massima lasciata da Epicuro si dovrebbe rammentare da mattina e sera” Non sciupare il bene che hai, per il desiderio di quello che non hai”.
Non è chiaro se includeva anche se stesso, però sopportò la sua vita “epicurea” con stoica rassegnazione.
  
avatar
Annali
Admin/Founder

Messaggi : 5203
Data d'iscrizione : 08.06.13
Località : la mia

http://annali.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Grandi filosofi e le loro esibizioni dialettiche

Messaggio  Annali il Ven Dic 09, 2016 3:50 pm

Sant' Agostino...
Agostino nacque a Tagaste, l’odierna città algerina di Suq-Ahras, nella Numidia proconsolare, il 13 novembre del 354 d.C. Della sua vita (figlio di un decurione pagano e di Monica, cristiana virtuosa divenuta poi santa) si sa solo quello che scrisse nella sua nota biografia “Le Confessioni”, ossia tutto quanto ha voluto farci sapere fino al trentaquattresimo anno d’età.
Intraprese gli studi di letteratura e oratoria, interrotti però alla morte del padre. Si recò a Cartagine dove riprese gli studi e iniziò una relazione con una giovane cristiana che nel 372 lo rese padre di Adeodato. Nel 374 aderì al Manicheismo, religione creata da Mani, un nobile persiano, un insieme di dottrine derivate da Buddha, Zarathustra e Gesù Cristo. Imponeva tre obblighi: 1) dieta vegetariana e divieto di pronunciare parole scurrili; 2) rinunciare a qualsiasi forma di proprietà privata e interdizione ai lavori profani; 3) veto assoluto ai rapporti sessuali. Agostino vi aderì, per la la durata di nove anni, poi l'abbandonò in modo definitivo. Nel 375 insegnò eloquenza a Cartagine, interrompendo per riproporla poi  a Roma, dove si recò nel 383. Era il periodo più instabile per la parte occidentale dell’impero, retta dagli imperatori Graziano e Valentiniano II. Graziano fu ucciso e il fratello Valentiniano trovò rifugio e supporto in oriente, presso Teodosio I, che lo confermò unico imperatore d’Occidente.
Nel 384 Agostino decise di trasferirsi a Milano, con l’incarico di professore di retorica, dove incontrò Ambrogio, vescovo della città, che esercitò su di lui un’influenza decisiva, grazie al metodo esegetico della scuola di Alessandria applicato alle Scritture.
L’interpretazione allegorica dell’Antico Testamento, consentì ad Agostino di risolvere le sue inquietudini e diventare catecumeno della chiesa cattolica. Il tormentato percorso intellettuale lo portò ad approfondire nel problema dell’incarnazione il punto di dissidio con il cristianesimo. A Milano fu raggiunto dalle due donne lasciate in Africa, madre sua e quella che lo aveva reso padre, e il figlio Adeodato. Non si sa se per decisione sua o se per imposizione,  che la tunisina ritornò in Africa lasciando il figlio  senza protestare. Agostino descrisse l’evento con la laconicità che si conciliava con la cultura maschilista dell’epoca, dalla quale aveva assorbito una non elevata considerazione per la donna che rispetto a maschio :… “ possiede eguale natura nell’intelligenza razionale, ma nel sesso fisico è sottoposta al sesso mascolino…nell’anima dell’uomo v’è una parte che delibera e quindi domina…” (Confessioni, XIII, 32.47)  
L’influenza del vescovo di Milano e una maggior attenzione agli insegnamenti di Paolo lo portarono alla conversione nel 386 e a ricevere il battesimo nell’aprile 387.
Il cambiamento fu profondo. Abbandonò l’insegnamento per diventare monaco laico e tornò in Africa, dove, venduti i beni di famiglia e morto il figlio Deodato, cominciò una vita di lotta aperta agli eretici, in particolare ai manichei e donatisti.
Divenuto vescovo di Ippona nel 397, esercitò l’alto magistero con molto dinamismo.
Morì di febbri nel 430, durante l’assedio della sua città da parte dei Vandali di Genserico, chiamati dal conte Bonifacio di Spagna.
Agostino fu uno scrittore infaticabile, il suo pensiero subì una immensa serie di reinterpretazioni, cosicchè s’andò a formarsi l’ “agostinismo” scolastico, umanistico, protestante, gianseita,(per nominarne solo qualcuno). Dopo aver vissuto una trentina d’anni alla giornata, colse l’elemento capace di riscattare l’uomo dalle miserie quotidiane:l’amore.
“L’amore di se stessi portato sino al disprezzo di Dio genera la citta terrena, l’amore di Dio portato al disprezzo di se stessi genera la città celeste… I cittadini della città terrena  sono dominati da una stolta cupidigia; i cittadini della città celeste si offrono l’un l’altro con spirito di carità e rispettano docilmente i doveri della discplina sociale” ( De Civitate Dei, XIV,28)
Questa la conclusione alla quale pervenne Agostino, un piccolo borghese divenuto un grande santo.
     
avatar
Annali
Admin/Founder

Messaggi : 5203
Data d'iscrizione : 08.06.13
Località : la mia

http://annali.forumattivo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Grandi filosofi e le loro esibizioni dialettiche

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum