Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Parole chiave

Dicembre 2018
LunMarMerGioVenSabDom
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Calendario Calendario

Partner
creare un forum


La poesia: rime nuove rime antiche

Pagina 4 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  spitfire il Lun Mar 19, 2018 11:33 pm

Guardalo, quel grand’arco delle gru!
Le nuvole che navigano erano
già insieme a loro quando via volarono
da una vita verso un’altra vita.
A eguale altezza e con eguale moto
paiono queste a quelle appena prossime.
Sí che la gru e la nube condividono
il bel cielo che in breve ora trasvolano,
sí che alcuno dei due piú non s’indugia
né altro se non l’ondulazione vede
dell’altro dentro il vento, cui consentono
essi che ora nel volo uniti posano;
cosí portare li può al nulla il vento
solo che non si sciolgano e in sé restino,
nulla li può turbare sino allora
e sino allora volan via da dove
piogge minaccino o schianti di spari.
Cosí per lune e soli, poco dissimili spere,
volano via, l’uno all’altro devoti.
E dove? – In nessun luogo – E via da chi? – Da tutti.
Da quando, voi chiedete, sono insieme?
Da poco – E si separeranno? – Presto.
Ché sembra amore agli amanti una sosta.

Bertolt Brecht 1959

∗∗∗
avatar
spitfire

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 24.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Dom Mar 18, 2018 11:55 pm

A Don Chisciotte

Don Chisciotte, vecchio paladino, gran vagabondo
invano la folla assurda e vile ride di te
la tua morte fu un martirio e la tua vita un poema
e i mulini a vento avevano torto, mio re!

Va', non fermarti, va', protetto dalla tua fede
sul tuo destriero fantastico che io amo
va', spigolatore sublime! - gli oblii della legge
sono più numerosi, più grandi, di un tempo.

Hurrah! noi ti seguiamo, noi, i poeti santi
dai capelli cinti di follia e di verbena.
Guidaci all'assalto delle grandi fantasie

e presto, nonostante i tradimenti
sventolerà l'alato stendardo delle poesie
sul cranio canuto dell'inetta ragione!

Paul Verlaine
Marzo 1861.
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  spitfire il Sab Mar 17, 2018 9:49 am

Il mio argenteo guardare stilla nel vuoto,
Mai presagii che la vita fosse cava.
Sul mio raggio più leggero
Scivolo come su trame d’aria
Il tempo in cerchio, a palla,
Instancabile la danza mai danzò.
Freddo serpente scatta il fiato dei venti,
Colonne di pallidi anelli salgono
E crollano di nuovo.
Che cos’è la silenziosa voglia d’aria,
Questa oscillazione sotto di me,
Quando io mi giro sopra i fianchi del tempo.
Un lieve colorare è il mio movimento
Ma mai baciò il fresco albeggiare,
Mai l’esultante fiorire di un mattino me.
Si avvicina il settimo giorno –
E la fine non è ancora creata.
Gocce su gocce finiscono
E si sfregano di nuovo,
Nelle profondità barcollano le acque
E si accalcano là e cadono a terra.
Selvagge, scintillanti ebbre-braccia
Schiumano e si perdono
E come tutto si accalca e si stringe
Nell’ultimo movimento.
Più breve respira il tempo
Nel grembo dei Senzatempo.
Arie vuote strisciano
E non raggiungono la fine,
E un punto diventa la mia danza
Nella cecità.



Else Lasker -Schuler
avatar
spitfire

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 24.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Ven Mar 16, 2018 12:20 am

Potessi essere attore
interagendo con lo scorrere del tempo
cambierei il copione della mia vita
ma in veste di spettatore come tale
inerte guarderò lo scorrere della pellicola
di un film già troppe volte visto.

by Anonimo Napoletano
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  spitfire il Dom Mar 11, 2018 8:55 am





Che cosa vedete adesso?
Globi di rosso, giallo, porpora.
Un momento! E adesso?
Mio padre e mia madre e le mie sorelle.
Sí. E adesso?
Cavalieri in armi, belle donne, visi gentili.
Provate questa.
Un campo di grano – una città.
Benissimo! E adesso?
Una donna giovane e angeli chini su di lei.
Una lente piú forte! E adesso?
Molte donne dagli occhi vivi e labbra schiuse.
Provate queste.
Soltanto un bicchiere su un tavolo.
Oh, capisco! Provate questa lente!
Soltanto uno spazio vuoto – non vedo nulla in particolare.
Bene, adesso!
Pini, un lago, un cielo d’estate.
Questa va meglio. E adesso?
Un libro.
Leggetemi una pagina.
Non posso. Gli occhi mi sfuggono di là dalla pagina.
Provate questa lente.
Abissi d’aria.
Ottima! E adesso?
Luce, soltanto luce che trasforma tutto il mondo in giocattolo.
Benissimo, faremo gli occhiali cosí.






Edgar Lee Masters
avatar
spitfire

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 24.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Ven Mar 09, 2018 11:34 pm

Libri

Tutti i libri del mondo
non ti danno la felicità,
però in segreto
ti rinviano a te stesso.

Lì c'è tutto ciò di cui hai bisogno,
sole stelle luna.
Perché la luce che cercavi
vive dentro di te.

La saggezza che hai cercato
a lungo in biblioteca
ora brilla in ogni foglio,
perché adesso è tua.

Hermann Hesse
da: La felicità, versi e pensieri.
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Gio Mar 01, 2018 11:04 pm

Se per sfuggire alla memoria
Fossimo provvisti di ali
Molti volerebbero

Abituati a cose ben più lente
Gli uccelli impauriti
Scruterebbero il gigantesco carro
Degli uomini che fuggono disperati
Dalla propria mente

EMILY DICKINSON 1880
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  spitfire il Dom Feb 25, 2018 4:53 pm

Ho chiesto oggi a un agente di cambio
Cosa mi danno in rubli per metà tumana.
E come posso dire in persiano
Alla bellissima Lala: «Mi piaci».

Ho chiesto oggi a un agente di cambio
Con voce più leggera del vento, più discreta
Delle acque del Van, come in persiano
Posso invocare un bacio dalla bellissima Lala.

E ancora gli ho domandato,
Nascondendo la timidezza nel profondo cuore,
Come alla bellissima Lala
Devo sussurrare: «Ti voglio».

E mi ha risposto quell’uomo
Che all’amore non servono parole
Ma cenni silenziosi
E sguardi di zaffiro.

Il bacio non ha nome,
Non resta scritto nemmeno sulle tombe.
Il bacio è una rosa rossa sospesa nel vento
E i suoi petali si sfogliano sulle labbra.

Nulla è certo in amore
Dove crescono gioia e sventura:
«Tu sei mia» possono dire soltanto le mani
Che strappano il nero chador.





Sergej Aleksandrovič Esenin
avatar
spitfire

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 24.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Ven Feb 23, 2018 10:58 pm

ERGO UNA ROSA

Ergo una rosa, e tutto ora si illumina
come non fa la luna né può il sole:
serpe di luce ardente e attorcigliata
o vento di capelli che scompiglia.

Ergo una rosa, e grido a quanti uccelli
punteggiano di nidi e canti il cielo,
batto al suolo l’ordine che decide
l’unione dei demoni e dei santi.

Ergo una rosa, un corpo e un destino
contro il freddo della notte che avanza,
e con la linfa della rosa e col mio sangue
innalzo perennità in vita breve.

Ergo una rosa, e lascio, e abbandono
quanto mi duole di pene e di paure.

Ergo una rosa, sì, e odo la vita
in questo cantar d’uccelli sulle spalle.
    
José Saramago (1922-2010)
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Dom Feb 18, 2018 1:01 pm

              Le più belle poesie

        si scrivono sopra le pietre
            coi ginocchi piagati
    e le menti aguzzate dal mistero.
     Le più belle poesie si scrivono
        davanti a un altare vuoto,
           accerchiati da agenti
              della divina follia.
       Cosi, pazzo criminale qual sei
          tu detti versi all’umanità,
             i versi della riscossa
             e le bibliche profezie
             e sei fratello a Giona.
            Ma nella Terra Promessa
          dove germinano i pomi d’oro
           e l’albero della conoscenza
Dio non è mai disceso né ti ha mai maledetto.
                Ma tu si, maledici
            ora per ora il tuo canto
          perché sei sceso nel limbo,
             dove aspiri l’ assenzio
         di una sopravvivenza negata.

Alda Merini (1931/2009)
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  spitfire il Mer Feb 14, 2018 8:33 pm

Quanto vorrei, oh quanto
– non visto, non sentito –
volare dietro a un raggio
là dove non esisto.

E tu nel cerchio irradia –
non c’è altra beatitudine –
e da una stella impara
che significhi luce.

Ciò che ti voglio dire
è che sto bisbigliando
e sottovoce affido
te, mia bambina, a un raggio.

Osip Ėmil’evič Mandel’štam
avatar
spitfire

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 24.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Sab Feb 10, 2018 10:24 pm



Dalla raccolta “La cifra” (1981), traduzione di Domenico Porzio
Elaborazione grafica a cura di Poesie in forma di rosa
Dipinto nella grafica:“Le rose sanguinanti” (1930) di Salvador Dalì

Very Happy
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  Annali il Gio Feb 08, 2018 11:50 pm

Oggi cercavo un romanzo tra i mille e più sparsi per ripiani, cassetti, scatole poste ovunque persino sotto il letto, senza trovarlo... In compenso ho ritrovato il libro di poesie di Nazim Hilmet...
Aperte le pagine ho riletto questa dove il poeta turco ha concentrato tutto il suo vissuto...

NAZIM HILMET
 
Berlino gennaio 1962.
 
Sono nato nel 1902
Non sono più tornato
nella città natale
non amo i ritorni indietro
quando avevo tre anni
abitavo ad Alep
con mio nonno pascià
a 19 anni studiavo a Mosca
a 49 ero a Mosca di nuovo
e dall’età di 14 anni
faccio il poeta.
 
Alcuni conoscono bene le varie specie
delle piante altri quelle dei pesci
io conosco le separazioni
alcuni enumerano a memoria i nomi
delle stelle io delle nostalgie.
 
Ho dormito in prigioni e anche in alberghi di lusso
Ho sofferto la fame compreso lo sciopero della fame
Quando avevo trent’anni hanno chiesto
La mia impiccagione
A 48 mi hanno proposto
Per la medaglia della pace
E me l’hanno data
A 36 anni ho attraversati in sei mesi
I quattro metri quadrati
Di cemento
Della segregazione cellulare.
 
Ero di guardia davanti alla bare di Lenin nel ‘24
E il mausoleo che visito sono i suoi libri
Non sono rimasto schiacciato
Sotto gli idoli crollati.
 
Nel ’51 con un giovane compagno
Ho camminato verso la morte
Nel ’52 col cuore spaccato ho atteso la morte
Per quattro mesi sdraiato sul dorso
Sono stato pazzamente geloso delle donne che ho amato
Non ho sparlato degli amici
Dietro le loro spalle
Ho sempre guadagnato il mio pane
Col sudore della mia fronte
Che felicità
 
Mi sono vergognato per gli altri e ho mentito
Ho mentito per non far pena agli altri
Le mie poesie sono pubblicate
In trenta o quaranta lingue
Ma nella mia Turchia
Nella mia lingua turca
Son proibite
 
Il cancro non l’ho avuto
Ma non è necessario che l’abbia
Non sarò primo ministro
D’altronde non ne ho voglia
Anche non ho fatto la guerra
Non ho camminato per le vie
Sotto gli aerei in picchiata
A sessant’anni mi
Sono innamorato  
 
In una parola compagni
anche se oggi a Berlino sono sul punto
Di crepar di tristezza
Posso dire di avere vissuto
da uomo
E quanto vivrò ancora
E quanto vedrò ancora
Chi sa.

Non c'è che dire... è molto più che una poesia...


Ultima modifica di Annali il Ven Mar 02, 2018 12:47 pm, modificato 1 volta
avatar
Annali
Admin/Founder

Messaggi : 7152
Data d'iscrizione : 08.06.13
Località : la mia

http://annali.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Gio Feb 08, 2018 11:20 pm

(segreto scorrere)

Questo sentiero ci sfugge e sembra
non finire mai. Così è la sera,
la direzione del sole e la fatica
di tutti i seminati. Il paesaggio
ci fa vedere il suo volto nascosto,
la sua distanza più debole, la sua promessa
sul punto di rompersi ogni giorno.

Il tempo che ci rimane è molto prezioso,
e la sua impronta deve rimanere,
pulita e nuda, adesso, dentro la tela.
Arriva la notte e la sua venuta è sempre
più di un colore: un sentimento
molto puro e pericoloso. Il giorno
che perdiamo, la luce ormai appena visibile:
spesso sono solo ombre
che chiedono di essere trattate
con speciale dedizione, guardando
un po’ più in là della loro tristezza,
del loro argomento finale.

Perché quello che cerchiamo
finalmente è qui, nello scorrere segreto,
innamorato e dolce, del paesaggio,
nel suo inconscio in pace
e luminoso.    

Vicente Valero
Poeta contemporaneo spagnolo
(1963, Ibiza Spagna)
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Mar Feb 06, 2018 11:32 pm

Il mare

Prima che il sogno (o il terrore) intrecciasse
Mitologie e cosmogonie
E che il tempo prendesse forma in giorni,
Il mare, il sempre mare, era lì, eterno.
Chi è dunque il mare? Chi è quel violento
Essere antico che rode i pilastri
Della terra ed è uno e molti mari
Ed è abisso e splendore, caso e vento?
Lo si guarda ogni volta per la prima
Volta, con lo stupore che le cose
Elementari destano: maliose
Sere, la luna, il fuoco d’un falò.
Chi è il mare, io chi sono? Lo saprò
Il giorno che tien dietro all’agonia.

Jorge Luis Borges

Da L'altro, lo stesso (1964)
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  spitfire il Mer Gen 31, 2018 8:45 am

Sono quella che sono.
Un caso inconcepibile
come ogni caso.

In fondo avrei potuto avere
altri antenati,
e così avrei preso il volo
da un altro nido,
così da sotto un altro tronco
sarei strisciata fuori in squame.

Nel guardaroba della natura
c’è un mucchio di costumi: di
ragno, gabbiano, topo campagnolo.
Ognuno calza subito a pennello
e docilmente è indossato
finché non si consuma.

Anch’io non ho scelto,
ma non mi lamento.
Potevo essere qualcuno
molto meno a parte.
Qualcuno d’un formicaio, banco, sciame ronzante,
una scheggia di paesaggio sbattuta dal vento.

Qualcuno molto meno fortunato,
allevato per farne una pelliccia,
per il pranzo della festa,
qualcosa che nuota sotto un vetrino.

Un albero conficcato nella terra,
a cui si avvicina un incendio.

Un filo d’erba calpestato
dal corso di incomprensibili eventi.

Uno nato sotto una cattiva stella,
buona per altri.

E se nella gente destassi spavento,
o solo avversione,
o solo pietà?

Se al mondo fossi venuta
nella tribù sbagliata
e avessi tutte le strade precluse?

La sorte, finora,
mi è stata benigna.

Poteva non essermi dato
il ricordo dei momenti lieti.

Poteva essermi tolta
l’inclinazione a confrontare.

Potevo essere me stessa – ma senza stupore,
e ciò vorrebbe dire
qualcuno di totalmente diverso.





Wisława Szymborska


Ultima modifica di spitfire il Mer Gen 31, 2018 8:48 am, modificato 1 volta (Motivazione : size)
avatar
spitfire

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 24.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Dom Gen 28, 2018 1:09 am

Pensierino serale®️

Penso...
A quello che nella vita ho fatto,
a quello che c'è ancora da fare.

Penso...
A quello che rifarei ma non posso,
a quello che potrei rifare.

Penso...
M'è venuto sonno buonanotte
e non pensiamoci più,
fino al canto del gallo...

Eroil
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  Annali il Sab Gen 27, 2018 2:09 am

Se tutto fosse vano

SE.....
Se non crediamo 
nell’amicizia 
Se l’amore 
fosse solo 
fredda parola 
Se spegniamo 
ogni luce 
nell’Universo 
Se simili 
a foglie 
nel vento 
ci disperdiamo 
Se ogni giorno 
moriamo 
in solitudine 
Se ci alimentiamo 
di speranze 
frustate 
o disillusioni 
Se tutto 
Se ogni respiro 
Se le emozioni 
creano il vuoto 
dentro 
e fuori di noi 

Il mondo intero 
diventerebbe 
un immenso Obitorio..
Spento.. Buio

Annali


avatar
Annali
Admin/Founder

Messaggi : 7152
Data d'iscrizione : 08.06.13
Località : la mia

http://annali.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  spitfire il Mer Gen 24, 2018 12:28 am

Sí, al di là della gente
ti cerco.
Non nel tuo nome, se lo dicono,
non nella tua immagine, se la dipingono.
Al di là, piú in là, piú oltre.

Al di là di te ti cerco.
Non nel tuo specchio
e nella tua scrittura,
nella tua anima nemmeno.
Di là, piú oltre.

Al di là, ancora, piú oltre
di me ti cerco. Non sei
ciò che io sento di te.
Non sei
ciò che mi sta palpitando
con sangue mio nelle vene,
e non è me.
Al di là, piú oltre ti cerco.

E per trovarti, cessare
di vivere in te, e in me,
e negli altri.
Vivere ormai di là da tutto,
sull’altra sponda di tutto
—per trovarti —
come fosse morire.









Pedro Salinas
avatar
spitfire

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 24.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  controvento il Dom Gen 21, 2018 10:09 pm

L’ore cortesi che squisite danno 
le forme al tuo bel viso, onde ogni sguardo 
è avvinto, quel potere empio s’avranno: 
fare meschino quel ch’era gagliardo. 
Il tempo senza posa estate infonde 
al tristo inverno, ch’entro lei s’inuna: 
gelide linfe stringono le fronde, 
beltà innevata è persa in plaga bruna. 
Non rimanesse estate distillata, 
liquida essenza in carceri di vetro, 
beltà dal proprio effetto rovinata 
senza rimedio avrebbe il tempo tetro. 
fior distillato, se l’inverno avanza 
perde il sembiante, e non dolce sostanza. 

W. Shakespeare
avatar
controvento

Messaggi : 315
Data d'iscrizione : 30.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Ven Gen 19, 2018 12:09 am

Silentium

Taci, nasconditi ed occulta
i propri sogni e sentimenti;
che nel profondo dell'anima tua
sorgano e volgano a tramonto
silenti, come nella notte
gli astri: contemplali tu  e taci.

Può palesarsi il cuore mai?
Un altro potrà mai capirti?
Intenderà di che tu vivi?
Pensiero espresso è già menzogna.
Torba diviene la sommossa
fonte: tu ad essa bevi  e taci.

Sappi in te stesso vivere soltanto.
Dentro te celi tutto un mondo
d'arcani, magici pensieri,
quali il fragore esterno introna,
quali il diurno raggio sperde:
ascolta il loro canto...e taci!...
  
 Fëdor Ivanovič Tjutčev (1830)
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  eroil il Gio Dic 21, 2017 8:54 pm

Natale

Non ho voglia di tuffarmi
in un gomitolo di strade
Ho tanta stanchezza
sulle spalle
Lasciatemi cosi
come una cosa posata
in un angolo
e dimenticata
Qui non si sente altro
che il caldo buono
Sto con le quattro
capriole di fumo
del focolare

Giuseppe Ungaretti

Smile Smile
avatar
eroil

Messaggi : 4176
Data d'iscrizione : 25.07.16
Località : Neverwinter

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  spitfire il Dom Dic 10, 2017 12:45 am

Dall’ombra delle cupole nella città delle cupole,
un fiocco di neve, tormenta al singolare, impalpabile,
è entrato nella tua stanza e si è fatto strada 
fino al bracciolo della poltrona dove tu, alzando lo sguardo
dal libro l’hai scorto nell’attimo in cui si posava. Tutto 
qui. Null’altro che un solenne destarsi
alla brevità, al sollevarsi e al cadere dell’attenzione, rapido,
un tempo tra tempi, funerale senza fiori. Null’altro
tranne la sensazione che questo frammento di tempesta,
fattosi niente sotto i tuoi occhi, possa tornare,
che qualcuno negli anni a venire, seduta come adesso sei tu, possa dire:
«È ora. L’aria è pronta. C’è uno spiraglio nel cielo».



Mark Strand
avatar
spitfire

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 24.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  spitfire il Sab Dic 09, 2017 11:57 pm

Per te io curo questi fiori,
fulgido assente!
Si fendono le vene di corallo
della mia fucsia – ed io semino e sogno –

I gerani si tingono di chiazze –
umili margherite si frastagliano –
dirada il cactus le spinose punte
per mostrare la gola –

Stilla aromi il garofano
presto colti dall’ape –
un giacinto nascosto
sporge il capo arruffato –
esalano profumi
da fiale così tenui
che ti domandi come li serbassero –

Fiocchi di raso spargono le rose
sferiche sulla ghiaia del giardino –
pure – tu non sei qui –
e vorrei che i miei fiori
non avessero più rossi colori–

Che sia felice il fiore
e il suo signore – assente –
mi dà solo dolore –
in un calice grigio mi rinchiudo –
umilmente – per esser d’ora in poi
la tua margherita –
in lutto di te!



Emily Dickinson



avatar
spitfire

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 24.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  spitfire il Mer Dic 06, 2017 4:03 pm

Un giorno ch’io versavo amare lacrime; che, disciolte in dolore, 
fluivano scomparendo tutte le mie speranze; e me ne stavo
solitario presso l’arido tumulo in cui, sepolta entro un angusto
spazio, era l’essenza della vita mia; solitario cosí come nessuno
fu solitario al mondo, premuto da un indicibile sgomento, ridotto
a non essere ormai se non il senso stesso della disperazione;
come giravo attorno supplichevole gli sguardi, e non
potevo muover passo né innanzi né indietro; e m’avvinghiavo
con anelito senza fine alla vita che mi fuggiva spenta; discese
dalle azzurre lontananze, giú dai vertici della mia beatitudine
trascorsa, un brivido crepuscolare.
          Si strappò, di colpo, ogni legame fra la nascita e me. Fu
la catena della Luce, infranta. La malinconia confluí entro un
nuovo imperscrutabile mondo. E tu, Estasi notturna, e tu, Sonno
divino, sopravveniste.
          Il paesaggio, intorno, si sollevò a poco a poco. Sul paesaggio
aliò, dissolvendosi, il mio spirito risorto. Il tumulo si
sfece in una nuvola di polvere. E oltre la nuvola io vidi, trasfigurato,
il vólto dell’Amata. Negli occhi, Le riposava l’Eterno.
Presi le mani Sue. Il pianto divenne, tra di noi, un rifulgente
vincolo infrangibile. Millenni furono spazzati in lontananza, come
uragani. Piansi al suo collo l’estasi di quella vita nuova. Fu
il primo, unico sogno. E da quell’attimo soltanto, s’infuse in
me una fede immutabile, eterna, nel Paradiso della notte.
       E nella Luce sua: l’Amata.



Novalis
avatar
spitfire

Messaggi : 474
Data d'iscrizione : 24.09.17

Torna in alto Andare in basso

Re: La poesia: rime nuove rime antiche

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 6 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum